Tutti i comfort dell'hotel con la stessa tranquillità di casa vostra

Dal mare alla montagna, passando per le stradine e i vicoli dei tanti borghi e paesini della nostra Regione, ecco alcuni suggerimenti per il Vostro viaggio alla scoperta dell'Abruzzo.

Borgo di origine medievale, Rocca San Giovanni si trova sulla sommità di un colle roccioso, a 155 metri slm. Sebbene le prime tracce della cittadina risalgano a poco dopo l'anno 1000, fu nel XIII secolo che questa venne ampliata e fortificata con possenti mura di cinta (ancora oggi ben visibili) e tre torri quadrangolari, con lo scopo di dare rifugio, in caso di aggressioni, ai monaci della vicina Abbazia di San Giovanni in Venere. Nella splendida piazza degli Eroi si possono ammirare la Chiesa di San Matteo Apostolo, in stile romanico a tre navate, e il Palazzo Municipale, del XIX secolo, che ospita al suo interno una raccolta di opere d'arte di varie tipologie, disposte lungo la scalinata e nella sala consiliare. Una visita la merita anche il centro storico, fatto di vicoli che in passato erano brulicanti di vita e attività di ogni genere, ma che oggi, dopo un periodo di abbandono, si stanno nuovamente riqualificando e rianimando. Alla fine del corso principale si trova una terrazza panoramica, detta "Il Castello", dalla quale si può ammirare la valle circostante e il mare, che dista solo una manciata di km dal borgo.

"...una strana macchina da pesca, tutta composta di tavole e di travi, simile a un ragno colossale"

Così Gabriele D'Annunzio nel suo romanzo "Il Trionfo della Morte", scritto proprio in un'abitazione a ridosso del litorale abruzzese, descriveva gli ormai celebri Trabocchi, macchine da pesca su palafitta, che caratterizzano il percorso lungo la Statale 16 Adriatica che va da Ortona a San Salvo, passando per San Vito, Rocca San Giovanni, Fossacesia e Vasto. Oltre agli splendidi Trabocchi, trasformati quasi tutti in ristoranti dove gustare deliziosi piatti della tradizione locale immersi in un'atmosfera magica e surreale che solo il mare può evocare, questo tratto di costa è caratterizzato inoltre da una natura, spesso ancora incontaminata e quasi "selvaggia" e dalla sua eterogeneità. Tratti di spiaggia bassa e sabbiosa si alternano infatti a tratti con ciottolame e ad altri alti e rocciosi, peculiarità preziosa che rende la Costa dei Trabocchi una fascia costiera unica nel suo genere e che certamente merita di essere visitata.

Posto su di una collina come a voler dominare il mare sottostante, il complesso monastico di San Giovanni in Venere è composto da un'abbazia e dal vicino monastero, edificati entrambi all'inizio del XIII secolo in luogo del piccolo monastero preesistente. Il riferimento a Venere deriva da una tradizione che indica ci fosse un tempio pagano dedicato a Venere Conciliatrice proprio sul luogo dove sorge l'attuale chiesa. Quest'ultima presenta la struttura classica delle basiliche di stile cistercense, con tre navate separate da archi ogivali e soffitti in legno. Di grande pregio il Portale della Luna, sulla facciata principale, e il Portale delle Donne, sull'ingresso laterale. Affacciandosi alla splendida balconata situata di fronte al complesso si gode di una magnifica vista potendo ammirare l'ampio tratto di costa e la collina con i suoi meravigliosi uliveti.

Per chi viene in vacanza con i bimbi una tappa allo Zoo d'Abruzzo è d'obbligo. Questo offre una mostra faunistica con percorso pedonale tra animali di tutto il mondo, dando la possibilità ai visitatori di vedere gli animali molto da vicino, interagire con loro, assistere a spettacoli, dimostrazioni didattiche e laboratori interattivi adatti ai più piccoli ma anche ai loro accompagnatori. Al suo interno inoltre è presente anche un settore dedicato alla fauna del bosco, un'area pic-nic e una zona adibita a parco divertimenti per i più piccini.

Istituito nel 1991, è uno dei tre parchi nazionali presenti in Abruzzo e si estende su un ampio territorio nelle province di Chieti, Pescara e l'Aquila. Le caratteristiche geologiche, la flora, la fauna, i numerosi eremi e luoghi di culto rupestri presenti e le tanti tradizioni folkloristiche dei territori che ne fanno parte, rendono la visita al parco un'esperienza a 360° adatta a tutta la famiglia.

In più a Guardiagrele, in località Piana delle Mele, si trova anche il Parco Avventura Majella, il più grande Parco Avventura d'Italia, con oltre 250 giochi sospesi tra gli alberi, camminando tra passerelle, ponti tibetani e tunnel tirolesi mozzafiato, tutto naturalmente in massima sicurezza sotto la guida di personale qualificato. I vari percorsi sono suddivisi in base alle fasce d'età e per affrontarli sarà necessario indossare l'attrezzatura di sicurezza fornita in loco (imbrago, casco, sottocasco e guanti).